Area Accoglienza

TIPOLOGIE DI ACCOGLIENZA

Casa Accoglienza Il Samaritano: servizio di prima accoglienza, con spazio notturno con n. 50 posti letto; una mensa diurna e serale, dotata di cucina sostenuta attraverso l’adesione al progetto delle ACLI (http://www.acliverona.it/) denominato R.E.B.U.S., il conferimento degli alimenti in avanzo delle mense scolastiche ed il BANCO ALIMENTARE.

Tutti gli ospiti possono usare i bagni e le docce per la pulizia personale ed avere biancheria e vestiario pulito. E’ altresì fruibile un servizio di lavanderia.

Accoglienza Invernale (Locanda del Samaritano): il Samaritano si occupa della gestione di strutture per accoglienza temporanea nei mesi invernali di chi vive sulle strade. (LINK)

Housing Sociale (Progetto Casa Solidale): inserire le persone, che hanno vissuto periodi di disagio, in realtà abitative con assegnazione di appartamenti, singoli o comuni, in cui risiedere dignitosamente con una propria autonomia per realizzare spazi sociali significativi al fine di instaurare relazioni positive, rispettose, di promozione della persona per la riacquisizione di una dimensione affettiva profonda anche finalizzata all’integrazione nel territorio di residenza.

Progetto Esodo (La Dimora del Samaritano): accoglienza di persone in regimi di pena alternativa o ex detenuti. (LINK)

Accoglienza richiedenti protezione internazionale: in convenzione con la Prefettura di Verona, il Samaritano accoglie 120 richiedenti asilo in strutture e in case. (LINK)

 

LA STRUTTURA

La struttura è predisposta per accogliere persone in situazione di grave marginalità che non hanno più, per svariati motivi, una casa dove poter abitare e necessitano di un aiuto per riprendere in mano la propria situazione.        

La Casa Accoglienza, quindi deve essere un luogo ospitale, dignitoso, in cui dare risposta ai bisogni primari di cura: un luogo sicuro e pulito dove riposare, un pasto caldo per concludere la giornata, la possibilità di prendersi cura di sé e delle proprie cose.

Anche per questi motivi, la Casa Accoglienza è stata rimodernizzata nel 2013 attraverso uno workshop di design in collaborazione tra studenti della Laurea in Design e Comunicazione Visiva, della Laurea Magistrale in Ecodesaign del Politecnico di Torino ed educatori professionali laureati presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Torino, e gli ospiti del Samaritano. Il Progetto, dal titolo "La Bellezza vince sempre" ha visto la progettazione e l'allestimento di nuovi spazi, diurno ed emergenza freddo, presso la Locanda e il Samaritano. 

Era e rimane necessario creare spazi e progetti concreti di condivisione e di accoglienza affinché lo stare accanto quotidiano consenta alla persona di far emergere il proprio vissuto, le proprie esigenze senza la preoccupazione del giudizio o dell’emarginazione e di individuare anche autonomamente nuove prospettive di vita.

Nel 2015 è avvenuta una nuova ristrutturazione della Casa di Accoglienza Il Samaritano, passando da 65 a 50 posti letto e adibendo uno spazio della struttura a 10 unità abitative singole, per progettualità particolari di housing first.

 

Attualmente, per l'Area Accoglienza, sono attivi i seguenti servizi:

- ospitalità notturna a persone maggiorenni di sesso maschile senza dimora, segnalate dai Servizi Sociali comunali e da altri enti pubblici o privati;   

- distribuzione di un pasto caldo serale e prima colazione per le persone che accedono al servizio di ospitalita’ notturna;

 - distribuzione di vestiario e utilizzo della lavanderia;

- ambulatorio medico 2 volte la settimana.

 

Progetto: La Bellezza Vince Sempre

Video del progetto La Bellezza Vince Sempre

 

LA GIORNATA ALLA CASA ACCOGLIENZA

La giornata inizia con la sveglia alle ore 6.30 (nei giorni festivi un po' dopo). Gli ospiti hanno un'ora di tempo per le proprie necessità personali e per fare colazione; perchè alle 7.30 si lasciano tutte le stanze per permettere la pulizia degli ambienti. Gli ospiti possono comunque rimanere negli altri spazi della struttura che rimane sempre aperta.

Dalle ore 14 iniziano i laboratori al Centro Diurno ed è possibile usufruirne fino alle 18: c'è chi vuole lavorare il legno, chi ama dipingere, chi leggere un libro della Biblioteca, chi scrivere per sé o per il giornalino interno, chi lavora al computer, chi dà una mano in cucina. Ma durante la giornata ognuno può sfruttare il tempo a propria disposizione come preferisce: per fare il bucato, per la cura personale, per stare un po' in compagnia alla caffetteria del Centro Diurno, o semplicemente per riposare.

E' possibile entrare alla sera dalle 19.30 alle 21:30. La cena viene servita a partire dalle ore 20.15.

Alle ore 22 si abbassano le luci e, generalmente, verso le ore 23...tutti a nanna!