Area Sociale

Fin dal momento dell'inaugurazione della Casa Accoglienza si è resa evidente la necessità, per far sì che la mission potesse essere concretizzata, di allargare l'offerta di ospitalità mettendo a disposizione degli ospiti un'équipe di professionisti in grado di supportare le persone che decidono di intraprendere un percorso di reinserimento sociale e di recupero di una propria dimensione di dignità.          

Il percorso di recupero, solitamente, si articola nel tempo, prevede diverse fasi (accoglienza e ambientamento, conoscenza dell'ospite, coinvolgimento della persona nelle attività della Casa e del Centro Diurno, condivisione di un progetto anche con i Servizi del territorio, verifiche in itinere, conclusione della progettualità) e l'utilizzo di diversi strumenti: schede osservative, schede di valutazione delle abilità personali, colloqui conoscitivi, colloqui di sostegno psicologico. Ruolo centrale durante tutto lo svolgimento del progetto è senza dubbio la relazione di fiducia che si instaura con i vari operatori e che permette l'innescarsi di meccanismi di cambiamento.

L'équipe, attualmente, è così composta: 

- Responsabile di Area

- Responsabile Centro Diurno e referente Progetto Esodo

- Assistente sociale

- Psicologo

- Operatori Centro Diurno

- Referente per Area Accoglienza

- Referente per Area Lavoro

- Referente per Progetto Casa Solidale

‚Äč- Referente per Progetto Richiedenti Asilo

La presenza di un'équipe multidisciplinare permette di cogliere la globalità della persona, permettendo quindi di farne emergere la sua unicità come individuo. 

L'équipe lavora in collaborazione con i Servizi Sociali del territorio, proprio per garantire la massima sinergia delle risorse disponibili.

IL CENTRO DIURNO

La necessità di uno spazio come questo è stata spesso manifestata apertamente anche dagli ospiti della struttura di accoglienza notturna. Viene espressa non solo come esigenza di trovare un luogo accogliente e sano in alternativa alla strada, ma anche come riparo dal contatto quotidiano con un ambiente che fornisce occasioni di ricaduta in comportamenti devianti, dipendenze, stili di vita che sentono la necessità e la volontà di abbandonare.  Un altro bisogno significativo  che viene quotidianamente espresso è quello di poter “fare qualcosa” di utile, di costruttivo, come anche di riflettere su di sé e creare relazioni positive in alternativa a quelle non sane provenienti dalla vita sulla strada.

Questo ci ha convinti ancora più fermamente della necessità di costituire un servizio di centro diurno, con spazi propri, in cui poter offrire ospitalità e servizi di base e proporre attività occupazionali e formative che sperimentiamo su piccola scala e vediamo risultare utili e significative per le persone che vi sono coinvolte.

Tra le attività proposte:

- laboratori espressivi e riflessivi

- laboratori "del fare" (falegnameria, giocattoli, scarpe, riparazione biciclette)

- laboratori di autonomia (cucina, lavanderia-stireria, informatica)