All'interno del Samaritano continua anche il progetto Esodo, per persone detenute, ex-detenute o in esecuzione penale esterna. I detenuti in questo periodo di Coronavirus sono molto tesi e anche al Samaritano si percepisce questa paura. Di seguito vi proponiamo un articolo uscito su Repubblica che racconta un po' come stanno vivendo alcuni carcerati, nella fattispecie a Padova, con anche il loro appello che è arrivato fino al Papa.

 

I detenuti si dicono preoccupati per il virus e per l'emergenza del sovraffollamento nelle carceri italiane. Per questo chiedono aiuto al Papa, al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e al premier, Giuseppe Conte.

Di seguito la lettera dalla Casa di reclusione Due Palazzi di Padova, grazie ad un servizio uscito in questi giorni su Repubblica. Questo il link.