Un percorso che vede coinvolti molti enti, tra cui Caritas Diocesana Veronese, alla ricerca di soluzioni per far fronte all’insieme di bisogni scaturiti a seguito di un reato e di una carcerazione.

Tratto da Veronasera (link)

I reati sono delle ferite che spezzano i legami all'interno della nostra società, facendone venir meno la coesione - ha detto il sindaco di Verona Federico Sboarina - La giustizia riparativa crea un ponte fra il reo, la vittima e la comunità allo scopo di rinsaldare e ricucire gli strappi che i reati hanno generato. In questo modo, attraverso un mediatore, si ripristina il legame sociale, altrimenti intaccato. È chiaro che dal punto di vista dell'amministrazione comunale, avere un tavolo permanente che lavora per la coesione della comunità oltre che per aumentare il senso di giustizia è un'opportunità davvero importante».
«Questo tavolo è il giusto compimento del percorso realizzato in questi anni - ha spiegato il referente dell'Istituto don Calabria Silvio Masin - Un progetto che vogliamo fare conoscere a tutti e per il quale è stato istituto un manifesto in cui vengono chiarite mission e obiettivi sia del Tavolo permanente che delle iniziative che da esso scaturiscono. Per Verona è una bella sfida, è una delle poche città ad aver attivato questo strumento».
«C'è molto interesse per questo progetto - ha aggiunto il capo di Gabinetto della Prefettura Daniela Chemi - un'iniziativa ambiziosa che prevede un piano di interventi di recupero di persone coinvolte nei reati, nell'interesse della collettività e delle vittime».
«Lavoriamo nella logica di relazioni tra enti- ha detto Stefania Zambelli per l'Ufficio Esecuzione Penale Esterna - partendo dal presupposto che anche gli autori di reato appartengono alla comunità».

Ad oggi, aderiscono al Tavolo permanente per la giustizia riparativa di Verona: Prefettura, Comune di Verona e Garante dei diritti delle persone private della libertà di Verona, Asav (Associazione Vittime del reato di Verona), associazione La Fraternità, Camera Penale di Verona, Caritas Diocesana Cooperativa Il Samaritano, Centro di Servizio per il Volontariato di Verona, Dipartimento Scienze Umane dell'università di Verona, Ordine degli Assistenti sociali del Veneto.
Nel concreto, il Tavolo ricerca e propone progetti e iniziative per riconciliare le parti, vittima e reo, per rafforzare il senso di sicurezza collettivo, per un'idea di giustizia che metta al centro le persone, i loro bisogni e il benessere nelle relazioni.

«I reati sono delle ferite che spezzano i legami all'interno della nostra società, facendone venir meno la coesione - ha detto il sindaco di Verona Federico Sboarina - La giustizia riparativa crea un ponte fra il reo, la vittima e la comunità allo scopo di rinsaldare e ricucire gli strappi che i reati hanno generato. In questo modo, attraverso un mediatore, si ripristina il legame sociale, altrimenti intaccato. È chiaro che dal punto di vista dell'amministrazione comunale, avere un tavolo permanente che lavora per la coesione della comunità oltre che per aumentare il senso di giustizia è un'opportunità davvero importante».
«Questo tavolo è il giusto compimento del percorso realizzato in questi anni - ha spiegato il referente dell'Istituto don Calabria Silvio Masin - Un progetto che vogliamo fare conoscere a tutti e per il quale è stato istituto un manifesto in cui vengono chiarite mission e obiettivi sia del Tavolo permanente che delle iniziative che da esso scaturiscono. Per Verona è una bella sfida, è una delle poche città ad aver attivato questo strumento».
«C'è molto interesse per questo progetto - ha aggiunto il capo di Gabinetto della Prefettura Daniela Chemi - un'iniziativa ambiziosa che prevede un piano di interventi di recupero di persone coinvolte nei reati, nell'interesse della collettività e delle vittime».
«Lavoriamo nella logica di relazioni tra enti- ha detto Stefania Zambelli per l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna – partendo dal presupposto che anche gli autori di reato appartengono alla comunità».