Il workshop “La bellezza vince sempre” è stato realizzato nel 2013 in collaborazione con l'Università di Torino.

Ha previsto un periodo di residenzialità di 5 giorni di alcuni studenti presso le strutture di accoglienza per persone senza dimora gestite dalla Cooperativa “Il Samaritano” Onlus a Verona. I partecipanti al workshop, studenti della Laurea in Design e Comunicazione Visiva, della Laurea Magistrale in Ecodesign del Politecnico di Torino ed educatori professionali laureati presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Torino hanno vissuto gli ambienti e alcuni momenti della quotidianità delle persone senza dimora, hanno collaborato con questi ultimi e attraverso una serie di focus-group guidati da antropologi sono giunti a definire gli aspetti emotivi e percettivi della fruizione degli spazi della struttura di accoglienza e le relative criticità.

Su questi spunti il workshop è proseguito per sviluppare le strategie e le forme degli interventi sugli ambienti della struttura e i concept di prodotto volti a facilitare la fruizione dello spazio letto, elemento centrale del personale microcosmo notturno del senza dimora. Le progettualità sono state condivise con utenti, operatori e volontari e hanno avuto esito nella realizzazione degli interventi grafico pittorici degli ambienti, del sistema di icone a supporto del progetto di information design e nella prototipazione delle attrezzature per l’uso dello spazio diurno e notturno.

Il percorso di sviluppo e concretizzazione dei progetti ha seguito strategie di autoproduzione condivisa tra studenti e ospiti, volte a valorizzare le biografie, le competenze e le professionalità degli utenti del servizio. L’esperienza multidisciplinare, immersiva, emozionante ha offerto nel suo complesso interessanti opportunità agli studenti, che hanno potuto provare il design e la creatività in contesti sociali di concreta necessità.

 

‚ÄčA questo link è possibile vedere il video realizzato per il PROGETTO "LA BELLEZZA VINCE SEMPRE"

Il progetto ha mosso i suoi passi nei primi giorni di gennaio 2013, ha vissuto una fase di osservazione e analisi del percepito e dei processi di fruizione degli spazi messi in atto da operatori, ospiti e volontari; anche mediante focus group con utenza omogenea è stato possibile ricostruire le aspettative per i nuovi servizi e le criticità nell’accedere a quelli attuali. Il workshop, con la sua residenzialità di 5 giorni ha fornito ulteriori informazioni utili allo svolgimento del progetto.

La prima fase del percorso si è conclusa il 29 aprile 2013: i progetti, sulla zona mensa, sul centro diurno e caffetteria, sulle aree laboratorio e gli spazi ricreativi esterni, sono stati concordati con l’equipe, con gli ospiti e con i volontari. Molte attrezzature sono state realizzate ad hoc per il servizio, altri prodotti hanno superato la fase di prototipazione e sono stati realizzati direttamente dagli ospiti nel corso dei laboratori pomeridiani che essi frequentano. Nei primi giorni di aprile, alcuni giovani designer del Politecnico sono tornati a Verona per realizzare gli interventi grafico-pittorici sviluppati, secondo logiche partecipate, con gli utenti che hanno contribuito anche alla realizzazione pratica del progetto.