XV edizione del Mundialito di Verona, torneo pensato per tutti i cittadini di Verona provenienti dai vari continenti. Quest'anno sarà presente anche Il Samaritano con una squadra composta da richiedenti asilo e alcuni volontari italiani che si sono allenati con loro in questi mesi.

Organizzato da La Grande Sfida Onlus, questa edizione di Un Pallone come il Mondo vede la partecipazione di 12 squadre: Marocco (campione in carica), Gambia, Italia, Albania, Romania, Moldavia, Paraguay, Senegal e poi i ragazzi delle varie cooperative di accoglienza: Il Samaritano appunto, poi Costagrande, la Virtus e Spazio Aperto.

Domenica scorsa, 3 giugno, la cerimonia inaugurale in piazza Dante a Verona, con una bella cornice di pubblico e la sfilata delle bandiere lungo le vie del centro storico. E tutto questo per incarnare il vero spirito di questo torneo. Infatti, oltre all’aspetto sportivo, centinaia di persone, appartenenti alle varie comunità, sono coinvolte ogni anno, sia nel tifo per la rappresentanza della propria Nazione, che nella preparazione di eventi culturali e artistici. LA Grande Sfida Onlus e il Csi, attenti a promuovere percorsi di inclusione sociale attraverso lo sport, le comunità partecipanti e gli assessorati allo sport e alle Circoscrizioni, intendono realizzare i seguenti obiettivi:

- l’incontro e la conoscenza tra le comunità attraverso un confronto sportivo e culturale

- far conoscere alla città le abilità sportive, culturali e artistiche dei suoi nuovi cittadini, attraverso la condivisione delle comuni passioni

- il coinvolgimento della cittadinanza veronese alla costruzione di rapporti di fraternità con cittadini provenienti da diverse nazioni

- l’incontro fra le diverse comunità e le realtà istituzionali cittadine, generando spazi di relazione nel tempo libero

Il torneo prevede 3 tipi di vittoria:
1) SPORTIVA: che premia chi vince sportivamente sul campo.
2) FAIR PLAY: che premia chi sul campo e fuori si distingue per un comportamento rispettoso delle regole e dei principi del torneo.
3) ACCOGLIENZA: che premia chi accoglie, attraverso diverse modalità, (con cibi, piatti tipici, bevande o altro) la squadra avversaria, gli arbitri, i sostenitori.