Tagli del Governo, molte cooperative e alcune Caritas d'Italia non accettano per i più svariati motivi e decidono di non accogliere più. La scelta di Caritas Verona, attravero Il Samaritano, è diversa: si decide di metterci risorse proprie e di unirsi in una Associazione Temporanea d’Impresa con altre cooperative che condividono lo stesso pensiero e la stessa missione di Caritas: la Coop. I Piosi di Sommacampagna, la Filo Continuo di Pescantina, l’Associazione Villa Buri e la torinese Babel, che già gestisce degli alloggi nella provincia scaligera. In questo modo continuerà l'accoglienza sul territorio con un determinato stile, non finiranno per strada molti richiedenti protezione internazionale e non perderanno il loro posto di lavoro moltissimi professionisti del settore. Una scelta controcorrente in Italia, come ha spiegato anche la Rai in un servizio uscito in questi giorni e che si può vedere cliccando qui.