In strada ho sofferto la mancanza di uno spazio curato e intimo. Ho sentito il senso di vuoto di una quotidianità senza riferimenti solidi e la mancanza della profondità nei rapporti. Credevo di riuscire a trovare più solidarietà tra le persone che vivono questa condizione ma, ho (non sempre) percepito distanza, disinteresse e diffidenza.

di Enrico Panero

‚ÄčClicca qui per leggere questo approfondimento realizzato dalla rivista amica Scarp de Tenis.