L’allarme lanciato da alcune ricerche, non ultima quella elaborata da Amnesty International: l’Italia è un Paese intriso di ostilità e razzismo. Ma davvero siamo così? Cosa ne è stata dell’Italia accogliente e generosa? «Colpa della precarietà lavorativa delle fasce medio-basse della popolazione – spiega il professor Maurizio Ambrosini –. È da questa insicurezza che nasce la paura dell’altro. Dello straniero che, diventa tuo concorrente» Ma c’è un’Italia che sfugge alle ricerche e che ogni giorno lavora e vive con gli stranieri, un vissuto fatto di incontri e solidarietà. Scarp è andato a cercare qualcuna di queste storie per raccontarvele.

di Stefania Culurgioni

Clicca qui per leggere questo approfondimento realizzato dalla rivista amica Scarp de Tenis.